Biosline Brucia Grassi

farmacia,, Crisigiovanni,, Bari,

Tantum Verde Colluttorio

Crisigiovanni,, Bari,, Tantum Verde Colluttorio,

Nutrismart

farmacia,, Crisigiovanni,, Bari,

Darphin

farmacia,, Crisigiovanni,, Bari,

Watà immunostimolante
per la difesa personale

Apix Propoli

Salviette autoabbronzanti


URIAGE Detergente Intimo in Offerta

Tutti i Prodotti MAM in Promozione

TachiFluDec Polvere per soluzione orale

 

Integratore Anti-Colesterolo

 

Integratore per gli sforzi cognitivi

 

Fermenti Lattici

 

Lipikar + Gel Lavante

Perchè la pelle in Autunno è più secca

MILANO. Non sorprende che, dopo mesi di esposizione a calore, radiazioni luminose, vento e salsedine, la nostra pelle a settembre appaia più secca e opaca. È la conseguenza del fatto che, in estate, le cellule dell’epidermide hanno perso coesione: esse, infatti, sono congiunte, nello strato corneo, da alcune sostanze cementanti, come i ceramidi, che le rendono compatte e unite le une alle altre. Nei mesi estivi, invece, i fattori esogeni sono i responsabili del cosiddetto invecchiamento cutaneo fotosensibile, che mettono a dura prova non solo i ceramidi, ma anche gli oligoelementi e gli acidi grassi della pelle, fondamentali per mantenere l’idratazione e la funzione di barriera contro gli agenti esterni. 

Ciò comporta, in superficie, la comparsa di ‘microfessurazioni’, piccole crepe che lasciano fuoriuscire i liquidi della cute, mentre in profondità l’eccessivo calore può causare una dilatazione abnorme dei vasi capillari e una conseguente sofferenza a livello del micro-circolo. lo strato corneo disidratato, diventando fragile, perde, oltre alle caratteristiche di flessibilità, anche quella di tampone verso agenti chimici nemici dell’organismo. E, al tatto, la pelle appare ruvida e secca. A ciò si aggiunge anche l’aggressione dei raggi ultravioletti, bombardamento come di tanti spilli che riescono a penetrare la cute anche di qualche millimetro, distruggendone le cellule. Per questo, sul finire dell’estate, sulla cute si verifica un accumulo di cellule morte che devono essere sostituite con nuove. 

“Con il passaggio autunnale, quindi, la nostra pelle appare secca in superficie, si screpola più facilmente e i suoi capillari sono più dilatati proprio perché ha dovuto difendersi dalle aggressioni estive. «Chiaramente una pelle giovane recupera meglio, e più velocemente, questi danni – spiega il Professor Antonino Di Pietro, dermatologo plastico a Milano – mentre una pelle matura (dai 40 anni in su) ha tempi più lunghi di ripresa e necessita di speciali attenzioni.

In vista dell’arrivo della stagione fredda, dobbiamo quindi prenderci cura della pelle, aiutandola con sostanze e principi attivi in grado di ricreare un buono stato corneo superficiale, reidratando la cute ed evitando l’effetto ‘mela raggrinzita’. E questo grazie all’utilizzo di prodotti cosmetici di qualità, in grado di migliorare la funzionalità cellulare facilitando così l’ossigenazione ed il rinnovamento cutaneo».

Fonte: http://www.beautips.it 

Please publish modules in offcanvas position.